Considerazioni in itinere

PRIME CONSIDERAZIONI

Creare un nuovo progetto è un’impresa, a volte, davvero difficile. Altre volte, invece, è qualcosa che nasce spontaneamente, dal cuore e dalla mente, come un flusso continuo di pensieri che si accavallano e si fondono in un’unica, armoniosa sinfonia.

ARTIFICIALIA 2.0 appartiene a questa seconda categoria. L’idea di poter esporre delle stanze inverosimili da esplorare e da assaporare con alcuni sensi (udito e vista) è estremamente intrigante e porta la realizzazione su un piano autoriale superiore rispetto anche al precedente NOCTURNO. Le stanze sono piccole, anguste ma racchiudono all’interno qualcosa di grande, di immenso: la potenzialità della fantasia.

Raccolgono al loro interno idee totipotenti, pronte ad espandersi in considerazioni e congetture differenti, a seconda di come il percorso è affrontato da ognuno di noi. La molla alla base è la claustrofilia che spinge questo progetto ad identificarsi con progetti ben più ampi e ben più importanti quali quelli di David Lynch e Roman Polanski.

Le stanze di ARTIFICIALIA 2.0 che compongono questa Wunderkammer in continua espansione sono aggrovigliate in un vortice di sensazioni e di percorsi che, difficilmente, potranno essere ripercorse allo stesso modo. E’ questa la potenzia del progetto. Far assaporare sensazioni ed emozioni sempre nuove partendo da un unico punto di ingresso, la sala del focolare, dalla quale è possibile snaturare l’essenza stessa del viaggio trasformandola di volta in volta in qualcosa di diverso e di accattivante.

La Wunderkammer è questo e molto altro. Scopriamolo insieme.

Annunci